logo di stampa italiano
 
 
Sei in: Analisi per Area d'Affari » Area Ciclo Idrico Integrato

Area ciclo idrico integrato

Il Gruppo attualmente opera nella gestione del ciclo idrico integrato in oltre 180 comuni con oltre 2,5 milioni di abitanti, con una copertura praticamente completa del territorio di riferimento.
Hera è attiva in sette Aato coincidenti con le Province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini, Modena, Bologna e Pesaro.
Con tutte le citate agenzie sono state attivate le convenzioni che regolano il servizio idrico integrato e che garantiscono al Gruppo, oltre al prolungamento delle concessioni in media fino al 2022, la garanzia di giungere nei prossimi anni alla prevista remunerazione del capitale investito.

L'area del ciclo idrico integrato evidenzia un miglioramento dei propri risultati rispetto all'anno precedente e migliora il proprio peso percentuale, come evidenziato nella tabella seguente:

(mln/€)

31-dic-06

31-dic-07

Var. Ass.

Var. %

Margine operativo lordo area

107,5

118,5

+11,0

+10,2%

Margine operativo lordo gruppo

426,7

453,4

+26,7

+6,3%

Peso percentuale

25,2%

26,1%

+0,9 p.p.

 

I risultati alla fine del 2007 mostrano un andamento in linea con le attese, con un aumento dei ricavi legato allo schema tariffario approvato dalle agenzie d'ambito.

In seguito si propone un'analisi dei risultati della gestione realizzati nell'area ciclo idrico integrato.

Conto economico
(mln/€)

31-dic-06

Inc%

31-dic-07

Inc%

Var. Ass.

Var. %

Ricavi

398,4

 

407,6

 

+9,2

+2,3%

Costi operativi

(319,2)

-80,1%

(342,0)

-83,9%

+22,8

+7,1%

Costi del personale

(85,3)

-21,4%

(89,8)

-22,0%

+4,5

+5,3%

Costi capitalizzati

113,6

28,5%

142,7

35,0%

+29,1

+25,6%

Margine operativo lordo

107,5

27,0%

118,5

29,1%

+11,0

+10,2%

Nel 2007 sono stati realizzati ricavi per 407,6 milioni di euro, in crescita del 2,3% rispetto al 2006, in relazione agli aumenti tariffari citati, per la cui analisi di dettaglio si rimanda al capitolo specifico. Sul valore incidono in senso opposto una riduzione dei lavori effettuati rispetto all'anno precedente.

L'aumento dei costi complessivi è pari a 27,3 milioni di euro. Tenuto conto dell'aumento dei costi capitalizzati per 29,1 milioni di euro, i costi operativi risultano diminuiti in relazione ai minori acquisti di materia prima ed alle efficienze ottenute.

L'aumento dei costi capitalizzati corrisponde all'aumento degli investimenti del ciclo idrico, dettagliato nel paragrafo specifico, che nell'organizzazione del Gruppo vengono realizzati interamente dalle società operative territoriali (Sot).
La tabella seguente riproduce i principali indicatori quantitativi dell'area:

Dati quantitativi

31-dic-06

31-dic-07

Var. Ass.

Var. %

Numero utenti (unità in migliaia)

982,4

1.015,0

+32,6

+3,3%

Volumi venduti (milioni di mcubi)

 

 

 

 

Acquedotto

243,6

241,1

-2,5

-1,0%

Fognatura

215,0

216,0

+1,0

+0,5%

Depurazione

216,5

216,2

-0,3

-0,1%

Il citato andamento climatico e la conseguente diminuzione delle precipitazioni ha provocato una ridotta disponibilità delle fonti tradizionalmente utilizzate dal Gruppo, in particolare della diga di Ridracoli di proprietà di Romagna Acque, ed una maggiore sensibilità sociale ad evitare usi non corretti della risorsa idrica. L'effetto verificato è un calo, in alcuni casi molto sensibile, del consumo medio pro-capite.

Il margine operativo lordo al termine del 2007 aumenta di 11,0 milioni di euro, passando dai 107,5 del 2006 ai 118,5 milioni di euro dell'anno in corso.

Va ricordato che l'aumento della marginalità lorda va correlato all'aumento degli investimenti richiesta dagli accordi con le agenzia d'ambito ed al conseguente aumento degli ammortamenti, particolarmente sensibile in questa area d'affari.