logo di stampa italiano
 
 
Sei in: Politiche e linee di sviluppo » Politica di approvvigionamento e trading » Area Gas

Area Gas

Delibere Autorità per l’energia elettrica e il gas  (Aeeg)  nn. 248/2004, 134/2006 e 79/2007.

Con la delibera n.79/2007, relativa  alla “Rideterminazione delle condizioni economiche di fornitura per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2005 ed il 31 marzo 2007 e criteri per l’aggiornamento delle condizioni di fornitura del gas naturale”, si sono di fatto create le condizioni per ridurre le incertezze che hanno caratterizzato in particolare il mercato all’ingrosso negli anni 2005 e 2006 relativamente alla determinazione dei prezzi di vendita del gas destinato al mercato salvaguardato. Tali incertezze si sono determinate per effetto dei contenziosi amministrativi attivati dagli operatori in particolare sulle delibere. n. 248/2004 e 134/2006.

  • GAS RELEASE ENI 2
    Con provvedimento n.16530 del 6 marzo 2007 l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha reso obbligatori gli impegni proposti da Eni Gas & Power di attivare una nuova gas release di durata biennale, per un quantitativo di 2 miliardi di metri cubo/anno. La proposta di Eni era tesa a mitigare/evitare  l’eventuale sanzione da parte dell’ Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) a seguito del procedimento in corso per verificare un presunto abuso di posizione dominante nell’esercizio dell’impianto di rigasificazione di Panigaglia.
  • EMERGENZA GAS INVERNO 2007/2008
    Nel mese di agosto, il Ministero dello sviluppo economico, nell’intento di attivare in anticipo azioni tese a ridurre il rischio di una eventuale emergenza gas nei successivi mesi invernali, ha adottato specifici provvedimenti che prevedono l’obbligo per gli operatori di massimizzare le importazioni e per Stogit di massimizzare il volume immesso in stoccaggio. Sono inoltre stati previsti incentivi all’interrompibilità delle utenze industriali.

 

Fatti di rilievo

  • GESTIONE INVERNO 2006-2007 ANOMALMENTE MITE
    Nei primi mesi del 2007, si è dovuto  registrare l’impatto delle condizioni climatiche invernali eccezionalmente miti che hanno prodotto una situazione di esubero di gas  a livello europeo, con conseguente caduta dei prezzi. In buona sostanza, per molti operatori, è stato difficile/impossibile smaltire il gas accumulato in stoccaggio con conseguenti danni da minori vendite e svalutazioni del gas rimasto.
    Nel caso di Hera Trading, una accorta gestione della posizione, basata sull’ acquisizione anticipata di mercato estivo per oltre 50 milioni di metri cubi fin dal secondo trimestre  2007, ha di fatto ridotto a livello fisiologico un potenziale rilevante impatto economico negativo sul bilancio.
  • CAPACITA’ DI STOCCAGGIO ANNO TERMICO 2007/2008
    Nel mese di marzo, sono stati rinnovati i contratti con Stogit ed Edison Stoccaggi relativi al servizio di stoccaggio di modulazione per l’anno termico 2007-2008.
  • GAS RELEASE ENI 2
    Nel corso del secondo trimestre, Hera Trading Srl, anche con il supporto di Hera Comm Srl, ha partecipato alla procedura di assegnazione per la vendita di volumi di gas naturale nel periodo 1° ottobre 2007-30 settembre 2009 attivata da ENI Gas & Power ai sensi del provvedimento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) n. 16530 del 6 marzo 2007, acquisendo 3 lotti per un totale di 120 milioni di metri cubo/anno.
  • FINALIZZAZIONE DI NUOVI CONTRATTI DI APPROVVIGIONAMENTO
    Nel corso del mese di maggio è stato finalizzato un nuovo contratto con durata giugno 2007 - settembre 2008 per un totale di 415 milioni di metri cubi di gas russo. Nel mese di giugno, previa acquisizione in asta di capacità di trasporto sul Transitgas, sono stati rinnovati contratti in scadenza per ulteriori 180 milioni di metri cubo/anno.
    Sempre nel corso del mese di maggio e giugno, previa acquisizione in asta della relativa capacità, sono stati finalizzati contratti spot per l’importazione di gas estivo per un totale di 65  milioni di metri cubi.
    Nel corso del mese di ottobre è stata poi acquisita in asta capacità di trasporto invernale sul metanodotto Transitgas (Novembre 2007-Marzo 2008), usata per operazioni di approvvigionamento invernale spot in relazione all’andamento climatico effettivamente registrato e per attività di intermediazione con operatori terzi.
  • RINEGOZIAZIONE CONTRATTI AI SENSI DELLA DELIBERA N.79/2007
    In ottemperanza a quanto previsto dalla citata delibera n. 79/2007, nel giugno 2007 Hera Trading Srl ha provveduto a rinegoziare i contratti vigenti nel periodo 1 gennaio 2006-30 giugno 2006, sia in approvvigionamento che in vendita. Nello specifico, è stato rinegoziato in approvvigionamento il contratto gas release con Eni Gas & Power e in vendita i contratti con Hera Comm Srl, Aspes Gas Srl, World Energy ed Entra. In esito a tali rinegoziazioni, Hera Trading Srl si è trovata nelle condizioni di incassare 1.020.000 euro da Eni Gas & Power e di erogare 1.304.000 euro ai propri clienti Hera Comm Srl, Aspes Gas Srl e World Energy. Peraltro, la conferma degli importi di cui sopra, per quanto rispettivamente già incassati e pagati con riserva, resta subordinata alla positiva evoluzione dei contenziosi amministrativi ancora pendenti fra l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) ed alcuni operatori.
  • DICHIARAZIONE DI FORZA MAGGIORE  DA PARTE DI STOGIT
    Nel corso del mese di luglio 2007, Stogit, non avendo ricevuto la prevista autorizzazioni dal Ministero per lo sviluppo economico relativamente all’esercizio in sovra pressione dello stoccaggio di Settala, esercizio già effettuato nell’anno precedente, ha dichiarato lo stato di forza maggiore ed ha ridotto proporzionalmente gli spazi di stoccaggio già assegnati agli operatori. Successivamente, nel corso del mese di settembre, il Ministero per lo sviluppo economico ha rilasciato l’autorizzazione, benchè ad un livello di pressione inferiore a quanto richiesto, e pertanto Stogit ha potuto riassegnare, seppur in parte, le capacità precedentemente ritirate.
    Per Hera Trading Srl tale evento ha comportato una riduzione di spazio in stoccaggio pari a circa il 9% di quanto originariamente assegnato.
  • ATTIVAZIONE OPERATIVA DI FLAME ENERGY AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE (PSV)
    Dal mese di ottobre è stata attivata l’operatività di Flame Energy sul mercato italiano. L’operatività è attualmente limitata al punto di scambio virtuale (PSV) e, a partire dal prossimo anno termico, verrà estesa anche ai remi (regolazione e misura).